Prestiti in 24 ore, prestiti immediati e prestiti veloci: confronto, caratteristiche, migliori prodotti

Indice dei contenuti

Cosa sapere sui prestiti veloci

I prestiti veloci sono finanziamenti rivolti a chi ha necessità urgente di ottenere piccole somme di denaro in tempi abbastanza ridotti. La caratteristica principale di questi prestiti sta quindi nelle tempistiche, le quali sono molto rapide. Ma anche nell’erogazione della liquidità richiesta: l’accredito avviene infatti anche in due giorni dalla concessione del finanziamento.

Come accade anche per i prestiti di importo alto, i documenti da mostrare, oltre a quelli identificativi, sono sicuramente la busta paga, e la dichiarazione dei redditi per lavoratori autonomi. Un altro documento molto importante che non bisogna dimenticare è il CUD per i lavoratori dipendenti.

Per quanto concerne invece le persone anziane pensionate, queste devono integrare nei documenti della domanda , anche il cedolino della pensione.

Un’alternativa è rappresentata anche dai piccoli prestiti Inps (ex Inpdap), i quali forniscono dei tassi di interesse molto agevolati.

Di seguito si vedranno le caratteristiche del prestito veloce, e quali sono i vantaggi che conferisce al richiedente.

Come si definiscono i piccoli prestiti veloci?

I piccoli prestiti veloci fanno parte della classe dei prestiti personali, ma permetto una maggiore rapidità con cui viene, come vedremo, accreditato il denaro sul nostro conto corrente.

La tempistica è pari a circa 48 ore dalla concessione del prestito, ma può anche accadere che possano volerci solamente 24 ore.

In termini più circoscritti parliamo di finanziamento ideato per coloro che hanno necessità immediata, di ottenere una liquidità in tempi brevi. Questo perché si deve spesso far fronte ad un imprevisto grave, ad un danno che può essere stato generato da forze esterne a noi. L’importo concesso, quello massimo, varia in base all’istituto di credito a cui ci si rivolge, ma si può dire che generalmente si parte da circa 1.000 euro e si raggiunge una cifra limite di circa 30.000 euro.

Sia l’importo massimo erogabile che anche i requisiti utili e necessari per ottenere il finanziamento, variano molto in base alla banca a cui chiediamo il prestito. Alcuni istituti di credito infatti accolgono anche dei requisiti alternativi rispetto al reddito mensile. A variare sono anche i tassi di interesse applicati, quindi dobbiamo saper aprire cosa ci conviene fare. Se è meglio chiedere un prestito ad una banca rispetto ad un’altra. In particolare si parla di TAN e TAEG.

I piccoli prestiti veloci, hanno la caratteristica di non essere dei prestiti finalizzati: questi tipi di prestiti non permetto di ottenere una certa liquidità, e poterla spendere come e quando vogliamo. Per quanto concerne i prestiti finalizzati, questi vengono erogati e indirizzati al negozio dove noi andremo a spendere una determinata cifra. Invece con un prestito che è veloce, non funziona in questo modo, noi possiamo avere quel prestito e spenderlo come vogliamo. Inoltre non è necessario predisporre un preventivo di spesa.

Cosa sapere sui prestiti online immediati?

Anche per quanto concerne i piccoli importi veloci, la richiesta può essere effettuata totalmente online, presentano il modulo compilato per la richiesta. Quindi evitando di doversi recare in una filiale bancaria o nell’ufficio di una finanziaria.

Le tempistiche in questo modo per avere l’accredito del prestito, sono molto più ridotte.

In molti istituti di credito si possono richiedere piccole somme di denaro veloci, dei prestiti online immediati.

Pensionati e dipendenti: richiesta prestiti veloci

Anche quando si tratta di piccoli prestiti è importante che la banca abbia delle garanzie stabili, e una documentazione accurata che possa essere motivo valido per acconsentire al prestito. È naturalmente opportuno quindi presentare queste garanzie alle banche e alle finanziarie, queste infatti devono essere certe il destinatario del prestito possa rimborsare il capitale ottenuto.

Le condizioni non sono però così tanto dure, alla fin fine. Infatti per avere un piccolo prestito per i pensionati, oltre a includere nella documentazione il cedolino della pensione mensile, devono avere un’età che non supera i 75 anni. Anche se ci sono alcuni casi di eccezione, che si appigliano a motivazioni altre, e dipendono dalle banche.

Quando la richiesta viene approvata, il denaro viene accreditato sul conto corrente del cliente, solitamente nell’arco di tempo di due giorni dalla richiesta del finanziamento.

Cosa sapere sui prestiti rapidi per gli studenti

I prestiti rapidi sono molto richiesti dagli studenti, in quanto di solito hanno bisogno durante il loro percorso di aver bisogno rapidamente di soldi. Ma spesso trovare difficoltà, in quanto non dispongono delle garanzie necessarie.

A fare richiesta di liquidità possono però essere sia gli studenti a tempo pieno o anche coloro che  hanno un’iscrizione part time e quindi lavorano anche. Ma non hanno un contratto di lavoro fisso, che permetterebbe loro di richiedere i classici prestiti personali. Quindi sono stati ideati dei prestiti veloci proprio per gli studenti, e il loro punto di forza risiede nei tassi di interesse vantaggiosi che servono ad agevolare gli studenti nel rimborso del denaro.

I prestiti veloci per studenti rientrano nella categoria dei prestiti finalizzati, quindi questo significa che la somma ottenuta in prestito, è erogata solo per motivi di studio ai luoghi competenti in materia. Il caso più ovvio è quello dell’Università, per quanto riguarda le tasse universitarie. Parliamo spesso di piccoli prestiti veloci rivolti agli studenti, e questi possono essere richiesti anche online, in modo comodo.

Il denaro di solito, dopo che la richiesta è stata accettata, viene accreditato direttamente sul conto corrente nell’arco di 48 ore.

I piccoli prestiti veloci per studenti presentano quindi delle caratteristiche specifiche:

  • tassi di interesse molto vantaggiosi, per permettere di ridare comodamente la cifra indietro,
  • modalità di restituzione molto flessibili.

Infatti questi finanziamenti sono rivolti solo e soltanto agli studenti, e negli ultimi anni è consuetudine stipulare delle convenzioni tra banche e Ateneo.

Prestiti immediati per cattivi pagatori

Quando risultiamo come cattivi pagatori non è facile poter richiedere un prestito, anzi abbastanza impossibile. Però esiste una soluzione in alcuni casi, per far fronte a spese stringenti e improvvise, ovvero c’è la possibilità di fare richiesta di piccoli prestiti veloci per cattivi pagatori.

Per quanto concerne l’importo massimo erogabile, questo varia in base a condizioni che sono stabilite dall’istituto di credito.

I tassi di interesse risultano superiori però rispetto a quelli applicati ad altri piccoli prestiti. I cattivi pagatori quindi per poter accedere al prestito, dovranno presentare alcune garanzie, che sono più precise rispetto a qualsiasi altra persona. Però abbiamo sempre la garanzia del reddito fisso o della pensione.

L’alternativa che è più frequente, risulta essere quella della cessione del quinto: viene praticamente trattenuta direttamente una somma mensile dal conto corrente aperto presso quella banca, come garanzia. Si tratta di una cifra pari al massimo ad un quinto dello stipendio o della pensione netta mensile.

Prestiti veloci Inps

Un’altra categoria di prestiti veloci e piccoli, è quella concessa dall’Inps che permette a dipendenti e a pensionati di aver accesso al credito.

Tramite la cessione dei piccoli prestiti Inps il soggetto richiedente, potrà avere una cifra di importo contenuto, che dovrà dare indietro in tempi molto brevi.

Qui di seguito si elencheranno tutti i tipi di prestiti rapidi e di piccolo importo erogabili dall’Inps:

Piccolo prestito Gestione Dipendenti Pubblici: questo prestito è ideato per coloro che  dipendenti ed i pensionati pubblici, e i quali risultano regolarmente iscritti al Fondo Credito. Per quanto riguarda il rimborso, questo viene regolamentato e scandito in rate mensili mediante una trattenuta in automatico dallo stipendio o dalla pensione.
Piccolo prestito Gestione Fondi Poste Italiane: questi finanziamenti fanno parte della categoria dei finanziamenti concessi. Attraverso essi è possibile la cessione del quinto dello stipendio, ai dipendenti in servizio del Gruppo Poste Italiane e società collegate. Come accade ad esempio per coloro che sono cattivi pagatori.

Piccolo prestito Gestione Magistrale: questi finanziamenti sono erogati per coloro che rappresentano il ruolo di insegnate oppure si tratta di direttori artistici. Il prestito non può superare l’importo di due mensilità dello stipendio, e inoltre ha un preciso tempo di restituzione, in 24 rate.

Piccoli prestiti veloci che prevedono cambiali

Infine abbiamo il prestito cambializzato, il quale  si adegua per bene a coloro che non hanno garanzie sufficienti per accedere al credito in modo classico.

La peculiarità di questo finanziamento risiede nell’uso di cambiali, le quali forniscono la garanzia giusto per il rimborso del denaro ottenuto in prestito.

Le tempistiche sono abbastanza rapide, andiamo da un giorno a massimo tre giorni lavorativi. In ogni caso la richiesta online di un prestito predispone molti vantaggi per il richiedente, anche per il fatto di poter scegliere comodamente da casa quale sia la banca che fa più al caso proprio. Con tassi di interessi agevolati e che è più flessibile nelle garanzie richieste.